Posted on

Seggiolini auto: farli dormire in auto è pericoloso

Quello dei seggiolini auto per i più piccoli è un tema sempre molto dibattuto, in ogni parte del globo. Se qui in Italia se n’è tornato a parlare per effetto del provvedimento deciso dal governo di obbligare le famiglie a dotarsi di un dispositivo anti-abbandono, in altri Paesi si discute invece dei pericoli connessi all’utilizzo dei seggiolini, spesso sottovalutati o non conosciuti dai genitori. Al proposito, ricordiamo che il modo miglior per fare conoscenza con questi prodotti è rappresentato dai siti online che affrontano il tema con grande professionalità. Tra di essi ricordiamo in particolare miglioreseggiolinoauto.it, considerato un vero e proprio punto di riferimento al riguardo.
Basti pensare ad esempio come nel corso del 2016 gli Stati Uniti siano stati messi a rumore da uno studio nel quale si adombrava l’ipotesi che far dormire i piccoli all’interno della macchina, sul loro seggiolino, possa avere conseguenze estremamente dannose. Andiamo a vedere più da vicino la questione.

Lo studio statunitense del Lullaby Trust

Secondo il Lullaby Trust, un istituto molto attivo nel settore delle morti improvvise dei bambini, i neonati ed i bambini non dovrebbero essere lasciati troppo a lungo nei seggiolini, soprattutto nel caso in cui siano addormentati: la posizione imposta dai seggiolini rischia infatti di provocare notevoli danni ove si prolunghi nel corso del tempo. Secondo gli estensori del report, inoltre, questi seggiolini non possono andare a sostituire i lettini al fine di far dormire i bimbi più piccoli in quanto non sono in grado di sostenere adeguatamente la loro testa quando sono seduti con la schiena quasi in posizione verticale.
Va poi considerato come un ulteriore pericolo possa essere rappresentato dalle cinture cui è affidato il compito di trattenerli nel seggiolino: nel caso in cui il bambino si addormenta e il suo corpo vada a raggomitolarsi, esse possono arrivare ad ostacolare la respirazione o la circolazione, che sono ancora poco sviluppate nei più piccoli. Se si pensa come anche farli viaggiare semisdraiati all’interno della vettura sia fortemente sconsigliato dagli esperti, si può facilmente comprendere come le preoccupazioni dei neogenitori siano destinate a rimanere molto forti.
Va comunque ricordato che i prodotti di questo genere devono essere sottoposti ai rigidi controlli della FMEA, l’ente preposto alla verifica degli standard di qualità minimi richiesti in questo campo. Inoltre proprio le aziende che si cimentano in un settore così particolare fanno di tutto per riuscire ad assicurare garanzie in tema di sicurezza, dando vita a ricerche estremamente accurate nei propri laboratori.